Progettare una libreria componibile da soli (parte 2): suggerimenti utili

Chiarite le idee su dimensioni e modello, ecco adesso alcuni utili suggerimenti da tenere ben presenti quando si vuole progettare da soli una libreria componibile.

Dettagli tecnici

Valutiamo attentamente tutti i vincoli tecnici e architettonici. Eviteremo così che in fase di montaggio la libreria interferisca con elementi pre-esistenti o peggio non stia nello spazio stabilito.
Interruttori, prese, punti luce, cassoni delle tapparelle, split, caloriferi… Spalle e ripiani della libreria componibile potrebbero coprire alcuni degli elementi presenti sulle pareti interessate o interferire con essi. Ricordiamoci anche dello zoccolino a parete: sebbene non sia un oggetto di dimensioni particolarmente rilevanti, nel caso in cui non possa essere rimosso costringe la nostra libreria a rimanere distanziata dal muro di qualche centimetro (vedere l’articolo Come prendere le misure per progettare una libreria a scaffali).
Consideriamo con attenzione inoltre anche gli arredi presenti nelle vicinanze della libreria che potrebbero interferire per esempio con l’apertura delle ante a battente o dei cassetti.

Altezza della libreria

I locali delle case d’epoca raggiungono altezze che superano anche i 3 metri, mentre nelle costruzioni dal 1980 in poi circa, possono non superare i 2 metri e 70 cm. A chi stia arredando una casa in affitto o di passaggio consigliamo una libreria non più alta di 2 metri e 60 cm così da poterla riutilizzare in un eventuale nuovo contesto.
Nel progettare una libreria componibile infatti può essere utile sapere che questo tipo di mobile può essere facilmente ridotto in larghezza eliminando qualche modulo, mentre una riduzione in altezza richiede interventi piuttosto costosi.

Bambini e sicurezza

Se nell’ambiente dove si utilizza una libreria solitamente sono presenti dei bambini raccomandiamo di:

  • non utilizzare ante a ribalta nella parte bassa per evitare che il bambino ci si sieda sopra rompendole (quando aperte)
  • evitare le ante con apertura push pull (più delicate) e prevedere invece le maniglie che sono più facili da usare
  • assicurare sempre la libreria componibile alla parete per evitare che un bambino si arrampichi sul mobile…

Un trucchetto davvero utile!

Per chi non abbia dimestichezza con la progettazione o non abbia altri riferimenti (per esempio una libreria precedente) potrebbe essere difficile immaginare gli ingombri di un mobile. Usiamo del nastro di carta (facile da rimuovere e che non lascia traccia) per segnare sul pavimento le dimensioni della libreria appena progettata. Così è possibile evidenziare e risolvere fin dall’inizio eventuali dubbi.

A questo punto abbiamo un po’ tutti gli elementi per progettare una libreria componibile da soli e cominciare a “disegnare” uno schema di massima.

Scegli tra i diversi modelli di librerie componibili moderne proposte da soloLibrerie seguendo le caratteristiche che hai individuato. Nella Scheda Prodotto che accompagna ogni mobile libreria puoi trovare le dimensioni, i materiali e i colori disponibili.

Buona libreria!